HTML5 – Un modo nuovo di scrivere una pagina web

HTML5 – Un modo nuovo di scrivere una pagina web

Ciò che segna in maniera netta la differenza tra l’HTML5 ed i linguaggi precedenti, è di sicuro l’aspetto semantico. Fino ad oggi, trascurando l’ancor più datato periodo in cui si utilizzavano le tabelle ( <table> ), l’utilizzo di contenitori generici <div> aveva caratterizzato le nostre pagine web generando strutture prive di significato semantico per i browser e per i motori che le processavano. Oggi e in futuro, invece, sarà fondamentale realizzare pagine web utilizzando codice html5 proprio perchè, così facendo, riusciremo ad inviare ai motori informazioni strettamente correlate alle strutture che le contengono. Andiamo quindi a vedere un esempio pratico per analizzare le differenza tra una pagina “comune” ed una con valore “semantico”.

Supponiamo di dover realizzare la struttura di una semplice pagina web per un Blog.

Fig.1

Osservando la fig.1 notiamo che la nostra struttura è stata realizzata grazie all’utilizzo di contenitori generici, <div>. Sia che si tratti di un blog, di un e-commerce o di una semplice pagina web, l’uso del div richiederà l’utilizzo di id o classi per definire gli elementi altrimenti privi di significato (markup).

Fig.2

Osservando la figura 2 notiamo invece come l’utilizzo del <div> sia stato sostituito dai nuovi elementi introdotti dal html5.

La parte in alto è stata definita dal tag <header>, un “luogo” dove è presumibile che si vada ad inserire la “testata del sito”. Segue il tag <nav> che indica il menu di navigazione principale, la parte dedicata ai contenuti viene identificata in una sezione a parte, <section>, che contiene il contenuto principale <article>.

Nella parte destra viene identificata un menu secondario <aside> che conterrà collegamenti di approfondimento / supplementari; ad esempio articoli correlati o tag per la suddivisione degli stessi. Nel <footer> invece verranno incluse le informazioni classiche inserite solitamente nel fondo della pagina.

Possiamo quindi asserire che l’html5 enfatizza la semantica della nostra struttura, introduce nuovi elementi quali section, header, footer, nav, article e tanti altri utili tag che sottolineano il significato dei contenuti lasciando il compito di personalizzazione solo ed esclusivamente al foglio di stile (CSS).

Vantaggi

  • Migliore ottimizzazione per i motori di ricerca (SEO)
  • Codice generalmente più leggero e pagine più veloci
  • Supporto per la creazione di vere e proprie web app
  • Manutenzione e gestione del codice semplificata
  • Migliore accessibilità per le nuove tecnologie assistive per visitatori disabili

In conclusione possiamo dire che programmare in html5 non è stregoneria ma semplice buon senso, ogni elemento ha un ruolo ben definito, il vostro obiettivo sarà scegliere l’elemento che meglio descrive il significato della vostra pagina a prescindere dalla presentazione.

Vuoi essere aggiornato e seguire i nostri articoli? Iscriviti alla newsletter
Potrebbe interessarti anche

Leggi tutti gli articoli

Google Page Experience e Core Web Vitals: pronti al cambiamento?

Cosa cambia con il nuovo upgrade di maggio 2021? E come mettersi al passo? Finalmente ci siamo, sono anni che se ne discute ma alla fine è arrivato il momento di migliorare davvero l’esperienza degli utenti che navigano i nostri siti in quanto è ufficiale ed ora anche misurabile: la Page Experience si avvale di […]

Tendenze e previsioni di ricerca dei consumatori nel 2021

Como sono cambiate le abitudini degli utenti dopo la pandemia? Le tendenze di ricerca online rivelano i nuovi comportamenti acquisiti nell’era Covid-19.   Google ha esaminato migliaia di ricerche effettuate in Europa, Medio Oriente e Africa e raccolto interessanti dati che svelano una vera e propria rivoluzione nel modo di vivere, lavorare e giocare. Scopriamo di cosa si tratta.  Quali […]