ASO (App Store Optimization) per Applicazioni Mobile

ASO (App Store Optimization) per Applicazioni Mobile

Si chiama ASO (App Store Optimization) e comprende tutte quelle tecniche utili a migliorare, col fine di aumentare gli acquisti o download, il ranking delle App nelle rispettive piattaforme.

Inutile dilungarsi circa l’importanza di questa attività se consideriamo l’aumento dell’utilizzo dei dispositivi mobile a cui stiamo assistendo nell’ultimo cinquennio, ed alla vertiginosa crescita del numero di applicazioni create (tanto gratuite che a pagamento).

Anzitutto c’è da dire che le principali piattaforme che distribuiscono applicazioni vengono sviluppate dai diretti fornitori dei servizi … quindi i soliti nomi che la fanno da padrone si dividono il mercato della diffusione anche delle app in questo modo (dati 2013):

  • Android: 51.6%
  • Apple: 40.7%
  • Blackberry: 4.8%
  • Microsoft: 3.0%
  • Symbian: 0.4%

ed in base alla diffusione dei relativi dispositivi questi i numeri dei download totali divisi per piattaforma:

  • Google Android: 58%
  • Apple iOS: 33%
  • Microsoft Windows Phone: 4%
  • BlackBerry: 3%

Visti i numeri ci soffermeremo su come ottimizzare le nostre App per iOS (Apple Store) e Android (Google Play) in quanto Blackberry, Microsoft Windows Phone sono ancora dietro anni luce, non prima di aver espresso qualche concetto generale sull’ ASO.

ASO o SEO?

Essendo l’ ASO materia relativamente nuova (soprattutto rispetto la classica seo, ed ancor di piu’ risèpetto alla SEO Moderna o Semantica), mi piace accostarla a tutte quelle operazioni che eravamo abituati ad effettuare, noi SEO, anni fa per posizionare le nostre pagine web; il “grosso” del lavoro lo si realizza scegliendo il giusto nome all’ App, una corretta ed esaustiva descrizione e le keyword piu’ appropriate … e effettuando l’immancabile Link Building. Ma andiamo per ordine:

ASO per Android (Google Play)

Ottimizzazione per il Posizionamento On-Line

  • Titolo dell’ App. Come tutte le attività di ottimizzazione è una delle più importanti. Bisogna assicurarsi che sia breve, descrittiva e facile da ricordare. Contolliamo bene il numero di caratteri e facciamo in modo che tutti i dispositivi la possano pubblicare per intero senza troncarla.
  • Descrizione. Non è un fattore di posizionamento diretto, ma generarla in modo chiara e che spieghi bene l’utilità dell’ App vuol dire avere una buona possibbilità che l’applicazione stessa venga installata/comprata. Importante mantenersi entro i 4000 caratteri.
  • Icona. Un’ icona accattivante e che esprima a pieno il vostro concetto vi darà sicuramente un CTR maggiore. Non dimenticatelo.
  • Tipologia. Applicazione utile o gioco? … indicizziamo bene la nostra App.
  • Screenshots. Creiamo ed inseriamo più screen-shots della nostra App in modo da effettuare una buona preview. La comunicazione ad immagini, nel momento della scelta, può fare la differenza.
  • Categoria. Inseriamo la nostra App nella giusta categoria, magari anche più di una, ma senza esagerare.
  • Video di Esempio. Questà è una funzione recente. Sfruttiamola inserendo una esaustiva video-descrizione prelevandola dal nostro canale You-Tube.
  • Influenza in Google Plus. Ricordiamoci che Google Play è un prodotto Google e che quindi possiamo collegare la nostra pagina di Google+ alla quella dell’App in modo da mostrare e magari aumentare i +1 (indice di gradimento).
  • Update. Ottimizzate sempre questa Tab, tenete sempre aggiornati i vostri utenti ed i futuri, informandoli costantemente dei vostri upgrade.

Fattori di Posizionamento Off-Line

  • Voti. Questo sembra uno dei fattori più importanti off-line. Quante volte sei andato a controllare la media voti? e quanto ti ha influenzato al momento della scelta? Google tiene ben presente la media voti in quanto indica il reale indice di gradimento della tua App. In generale il posizionamento dipende molto dal: numero di download, indice di gradimento (le famose stelline) e l’indice di gradimento su Google Plus (+1).
  • Recensioni. Piu’ recensioni vuol dire più visibilità. Quindi leggetele spesso, modificate la votra App e correggete i Bugs segnalati in modo da soddisfare i vostri utenti e guadagnare piu stelline e receensioni positive.
  • Download. Anche questo è un fattore importante in quanto un gran numero di download equivale ad un alto indice di gradimento od una grande utilità dell’App.
  • Link Building. Si, avete letto bene, LINK BUILDING. In quanto prodotto Google, più siti web autorevoli ed a tema linkeranno la pagina della vostra App è meglio essa verrà posizionata.

ASO per iOS (Apple Store)

Ottimizzazione per il Posizionamento On-Line

  • Titolo. Anche qui un giusto titolo è di fondamentale importanza. Breve, descrittivo ed al di sotto dei 25 caratteri.
  • Descrizione. Chiara, diretta ed esaustiva. Che spieghi in meno parole possibili l’utilità e le funzionalità principali dell’ applicazione.
  • Icona. Puo’ fare la differenza, purchè sia ben distinguibile da quelle dei competitor. Non imitate, distinguetevi.
  • Screenshots. Possono essere inserite fino a 5 screen-shots della vostra App, ma niente video. La cosa interessante è che possono essere suddivise per dispositivo: iPhone, iPad.
  • Categoria. Anche qui c’è la possibilità di inserire più di una categoria. Max 2.
  • Keywords. A differenza del Play Store di Google, qui è possibile definire una lista di keywords . Attenzione a non riempire di chiavi inutili o forvianti come il nome dei concorrenti. Sulla rete troverete facilmente una guida recente e ben fatta su come scegliere le keyword giuste per la vostra App.
  • Update. Sempre aggiornata con le date delle ultime release.

Fattori di Posizionamento Off-Line

  • Recensioni e Voti. A differenza della piattaforma Android qui non è possibile Recensire senza Votare e viceversa. Rimane cmq questo, uno dei fattori principali che determineranno il posizionamento della vostra App.

… siete pronti a tuffarvi nel mercato delle App

Vuoi essere aggiornato e seguire i nostri articoli? Iscriviti alla newsletter
Potrebbe interessarti anche

Leggi tutti gli articoli

Google Page Experience e Core Web Vitals: pronti al cambiamento?

Cosa cambia con il nuovo upgrade di maggio 2021? E come mettersi al passo? Finalmente ci siamo, sono anni che se ne discute ma alla fine è arrivato il momento di migliorare davvero l’esperienza degli utenti che navigano i nostri siti in quanto è ufficiale ed ora anche misurabile: la Page Experience si avvale di […]

Tendenze e previsioni di ricerca dei consumatori nel 2021

Como sono cambiate le abitudini degli utenti dopo la pandemia? Le tendenze di ricerca online rivelano i nuovi comportamenti acquisiti nell’era Covid-19.   Google ha esaminato migliaia di ricerche effettuate in Europa, Medio Oriente e Africa e raccolto interessanti dati che svelano una vera e propria rivoluzione nel modo di vivere, lavorare e giocare. Scopriamo di cosa si tratta.  Quali […]