Gli elementi fondamentali di una strategia vincente per e-commerce: il sondaggio di Magento e YouGov

Gli elementi fondamentali di una strategia vincente per e-commerce: il sondaggio di Magento e YouGov

Quali sono i criteri fondamentali che determinano la scelta di effettuare un acquisto online su un e-commerce rispetto a un altro? Quali sono i fattori che favoriscono la fidelizzazione degli utenti web?

Per trovare una risposta a queste ed altre domande – cruciali nella definizione di una strategia di marketing per e-commerce – nel 2019 Magento ha commissionato a YouGov un sondaggio che ha interessato quasi 20.000 persone in 15 paesi diversi. 
In Italia, nello specifico, la ricerca ha interessato oltre 1.000 consumatori attraverso un questionario online condotto tra giugno e luglio dello scorso anno.

Il quadro che ne scaturisce è estremamente interessante per capire quali sono i punti centrali attorno ai quali costruire una strategia di marketing efficace per un e-commerce – naturalmente differenziata in base alle caratteristiche del singolo caso – al fine di rendere quanto più unica possibile l’esperienza di acquisto e aumentare le conversioni online.

I dati del sondaggio di Magento

Anzitutto, nel nostro paese la percentuale complessiva di utenti intervistati che utilizzano internet per effettuare acquisti è la più alta d’Europa: il 98%
Gli utenti compresi nella fascia d’età tra i 18 e i 44 anni, inoltre, sono sempre più propensi ad acquistare su device mobile: il 27% degli acquirenti ritiene infatti fondamentale un’esperienza ottimizzata per smartphone. Si conferma dunque la necessità di avere app o siti responsive per rispondere a un’esigenza in costante crescita.

L’acquirente online italiano delineato con questo sondaggio è molto attento ad alcuni aspetti e li considera fondamentali per decidere di effettuare un acquisto su un e-commerce rispetto a un altro: decisiva è la percezione di sicurezza offerta da un sito, che guida il 61% delle scelte di acquisto – e per “sicurezza” s’intende la protezione dei dati personali

Anche la buona reputazione del sito influisce sui comportamenti della nostra platea di riferimento: il 42% degli intervistati controlla le recensioni della piattaforma e decide in base ad esse. 

Altro fattore considerato di fondamentale importanza è che l’esperienza di acquisto sia rapida, semplice e quanto più intuitiva possibile. Nel dettaglio dei dati emersi, il 53% dei consumatori ritiene che un sito debba essere di facile utilizzo, il 27% crede che il percorso di acquisto non debba superare i 2 minuti, il 30% dei consumatori considera prioritario il tempo di caricamento dell’e-commerce.

Gli utenti si rivelano anche molto attenti alla scelta dei metodi di pagamento inclusi nella piattaforma web, che devono essere istantanee per 1 utente su 2: il 47% delle persone oggetto del sondaggio dichiara di abbandonare il sito o evitarlo se esso non offre soluzioni di pagamento come Paypal, Google Pay o Apple Pay.

Il prezzo resta comunque il criterio di scelta più incisivo per il 60% degli acquirenti ma, come abbiamo visto, non più in modo esclusivo.

In relazione alla fidelizzazione – uno degli obiettivi più importanti di una strategia di marketing – risultano molto apprezzati i programmi di fidelity che consentono di accumulare punti da spendere all’interno dello stesso sito o di accedere ad altri vantaggi.

Il 66% dei consumatori italiani considera garanzia di fedeltà le piattaforme che offrono servizi agevolati come la spedizione gratuita e in tempi inferiori ai 5 giorni (40%). Per il 53% degli intervistati è molto importante anche che le spese di reso siano gratuite.

Cresce l’attenzione verso una tematica sempre più sentita in tutti i settori, compreso dunque l’e-commerce: la sostenibilità ambientale. Più della metà degli intervistati vuole più trasparenza sull’origine dei prodotti che si appresta ad acquistare, il 47% tende a privilegiare venditori che riducono l’uso di imballaggi in plastica, pluriball o polistirene, il 28% apprezza che una parte del ricavo delle vendite provenienti dall’attività sia devoluto a una causa ambientale.

Per quanto riguarda le attività push come l’email marketing, si fa sempre più pressante l’esigenza di profilare in modo sempre più personalizzato le comunicazioni: il 30% degli utenti effettua la disiscrizione da una mailing list se l‘offerta promozionale proposta non corrisponde ai suoi bisogni, così come il 22% smette di acquistare su un sito che gli suggerisca un acquisto non corrispondente alle sue aspettative.

Considerazioni finali

Il sondaggio di Magento ci lascia anche con alcune interessanti considerazioni degli intervistati relative all’Intelligenza Artificiale, che viene apprezzata dal 61% degli internauti nell’ottica della creazione di experience agevolate e personalizzate, dunque una più pertinente selezione di prodotti, una maggior fluidità del percorso e così via.


Fonte: Magento Commerce.

Vuoi essere aggiornato e seguire i nostri articoli? Iscriviti alla newsletter
Potrebbe interessarti anche

Leggi tutti gli articoli

Innovation Manager: chi è, cosa fa e le sue caratteristiche

L'Innovation Manager è un professionista che guida le realtà imprenditoriali verso il cambiamento, ossia la digitalizzazione, grazie alla sua pluriennale esperienza nel settore.

Perché la tua azienda dovrebbe aderire al Black Friday

Sapevi che le aziende che hanno partecipato al Black Friday hanno incrementato il loro fatturato di circa il 30/40% rispetto alla settimana precedente? A livello mondiale il giorno del ‘Venerdì nero’ registra un aumento delle vendite di circa 2119% rispetto a un giorno qualunque dell’anno.