Cosa cambia con Google Analytics 4?

Cosa cambia con Google Analytics 4?

Nell’ottobre 2020, Google ha lanciato la versione più recente di Google Analytics 4 o, più comunemente, GA4. Il lancio sul mercato si è concentrato sulle sue potenti funzionalità.

Se non sei passato a GA4 ora, ti consigliamo di continuare a leggere.

  • Cos’è GA4
  • Qual è la differenza tra UA e GA4
  • Le 4 funzionalità chiave di GA4
  • Perché dovresti passare subito a GA4

Cos’è GA4?

GA4 è la prossima generazione di Google Analytics.

È una rivisitazione completa di ciò che attualmente è la raccolta e l’analisi dei dati, unendo le funzionalità di Universal Analytics con funzionalità decisamente nuove, progettate per sfruttare le opportunità offerte dai big data e dall’apprendimento automatico.


Qual è la differenza tra GA4 e Universal Analytics?

Google ha costruito GA4 su un’architettura completamente nuova. Mentre Universal Analytics si basa sul concetto di sessioni, che sono essenzialmente una serie di visualizzazioni di pagina, GA4, invece, è costruito attorno al concetto di eventi.
Questo cambiamento nell’architettura ha molte importanti implicazioni. Innanzitutto GA4 può raccogliere molti più dati rispetto a Universal Analytics. In secondo luogo GA4 può darti molte più informazioni su ciò che le persone stanno facendo sul tuo sito o sulla tua app, cambiando le dinamiche di tempo di permanenza ed engagement. Ed infine con GA4 è possibile creare report avanzati attraverso la gestione “explore analysis”.

Diamo un’occhiata ad alcune delle funzionalità chiave di GA4:

1. Monitoraggio multipiattaforma: Web+app

Una delle funzionalità più potenti di GA4 è la sua capacità di tracciare gli stessi utenti su dispositivi e piattaforme diverse, attraverso la proprietà web+app.Ciò significa che puoi avere un quadro completo di come i tuoi utenti interagiscono con il tuo marchio, indipendentemente dal fatto che si trovino sul tuo sito Web, sulla tua app mobile o su entrambi.
Ciò è reso possibile utilizzando i cosiddetti “streams“, che sono essenzialmente “flussi di dati” che puoi creare in base a determinati criteri.
Ad esempio, puoi creare uno stream per tutto il traffico web, uno stream per tutto il traffico delle app o uno stream per tutto il traffico da un determinato Paese.
L’altro grande vantaggio di questa nuova funzionalità è che rende molto più facile monitorare le conversioni, seguendo l’utente dall’inizio alla fine del suo “percorso online”, indipendentemente dal dispositivo o dalla piattaforma che sta utilizzando.

2. Analisi e reportistica

GA4 ha introdotto una nuova sezione per i report, che fornisce un nuovo set di strumenti per eseguire analisi avanzate. Inoltre puoi esportare i tuoi dati in BigQuery per un’analisi ancora più approfondita.

Integrazione con BigQuery

Una delle caratteristiche più interessanti di GA4 è la sua integrazione con BigQuery, il servizio di data warehouse basato su cloud di Google. Ciò significa che puoi esportare i tuoi dati GA4 in BigQuery per l’archiviazione e l’analisi.
Questo è un enorme vantaggio per due motivi: in primo luogo, ti offre uno spazio di archiviazione quasi illimitato per i tuoi dati; e in secondo luogo, apre un intero mondo di possibilità per l’analisi avanzata che semplicemente non era possibile con Universal Analytics senza un connettore esterno.
Ad esempio, potresti esportare i tuoi dati in BigQuery e quindi utilizzare SQL per eseguire query complesse che semplicemente non sarebbero possibili nell’interfaccia GA. Oppure potresti utilizzare l’apprendimento automatico per scoprire informazioni nascoste nei tuoi dati.

3. Approfondimenti migliori con l’apprendimento automatico

Un altro grande vantaggio di GA4 è l’uso dell’apprendimento automatico per fornire informazioni “più intelligenti”. Ad esempio, supponiamo che tu stia eseguendo una campagna sia su Google Ads che su Facebook Ads, GA4 può utilizzare la corrispondenza probabilistica per abbinare i dati di queste due campagne e offrirti una visione unica del loro rendimento.

4. Probabilità di acquisto e abbandono

Un’altra entusiasmante nuova caratteristica di GA4 è la sua capacità di prevedere la probabilità di acquisto e il tasso di abbandono. La probabilità di acquisto misura l’eventualità che un utente acquisti sul tuo sito web o sulla tua app. La probabilità di abbandono misura l’eventualità che un utente smetta di navigare il tuo sito web o la tua app.

GA4 utilizza l’apprendimento automatico per prevedere la probabilità di acquisto e l’abbandono per ogni singolo utente. Ciò significa che puoi rendere le tue attività di marketing più efficaci e concentrarti sugli utenti con una probabilità maggiore di conversione.

Inoltre, GA4 continuerà ad apprendere e ad ottenere una maggiore precisione nel tempo. Quindi, man mano che lo usi, diventerà sempre più preciso nel dato e prezioso per le tue attività di marketing.


Perché dovresti passare subito a GA4

Come già detto, GA4 è un importante aggiornamento di Universal Analytics. È più potente, più flessibile e più preciso.

Google interromperà Universal Analytics a luglio 2023, quindi dovrai comunque eseguire l’upgrade.
Poiché UA smetterà di raccogliere nuove sessioni molto presto, spostare il monitoraggio ora significa che avrai un anno di dati storici nella tua nuova piattaforma. Significa, inoltre, che non avrai un periodo di blackout durante la transizione poiché potrai utilizzarli entrambi contemporaneamente fino alla transizione completa.

Se per te è importante l’analisi dei dati, dovresti passare subito a GA4!

Vuoi essere aggiornato e seguire i nostri articoli? Iscriviti alla newsletter
Potrebbe interessarti anche

Dtrainer: Divisione di Emmemedia per guidare le PMI Italiane alla Digital Transformation

Se cerchiamo la definizione di innovazione, dal dizionario Treccani scopriremo che altro non è che “l’atto, l’opera di innovare, cioè di introdurre nuovi sistemi, nuovi ordinamenti, nuovi metodi di produzione e simili” e quindi, “in senso concreto, ogni novità, mutamento, trasformazione che modifichi radicalmente o provochi comunque un efficace svecchiamento in un ordinamento politico o […]

Che cos’è il web marketing oggi

Il termine “web marketing” è comparso per la prima volta intorno alla fine degli anni 90 e veniva associato al concetto di pubblicità sul web.  Gli imprenditori, le aziende e i brand dell’epoca fiutarono l’affare e iniziarono quindi ad utilizzare il canale web per la sponsorizzazione dei propri prodotti e servizi.  Da quel momento i […]