Do's e Don'ts per e-commerce: ecco dove conviene investire

Do's e Don'ts per e-commerce: ecco dove conviene investire

Whiteboard

Emmemedia Blog / Il Blog di Emmemedia

Do's e Don'ts per e-commerce: ecco dove conviene investire

do-s-e-don-ts-per-e-commerce--ecco-dove-conviene-investire

Stando allo studio di Searchmetrics sui 10 fattori di posizionamento di un e-commerce, non tutte le attività di web marketing e, in generale, di promozione online, sono utili a favorire il posizionamento di un e-commerce e quindi ad aumentarne le vendite.

Do's & Don’ts per e-commerce

Ne consegue che, se hai o hai deciso di aprire un e-commerce per vendere online i tuoi prodotti o servizi, investire alla cieca sul web sarebbe come sparare nel mucchio. Inutile, se non addirittura controproducente. Per essere certo di spendere bene il tuo budget devi sapere su cosa vale la pena puntare, cioè quali canali attivare, con quali tipologie di contenuti, per raggiungere quali obiettivi.

Insomma, ci sono cose da fare e cose da non fare, do's & don’ts per e-commerce che possono aiutarti a raggiungere il successo o, al contrario, portarti al fallimento. Lo studio di Searchmetrics ci dà una mano a identificarli: vediamo insieme quali sono i 10 fattori di posizionamento di un e-commerce e dove vale la pena investire.

Leggi anche: 6 tips per far esplodere il tuo e-commerce nel 2017

I 10 fattori di posizionamento di un e-commerce

I fattori di posizionamento analizzati dallo studio di Searchmetrics sono:­

  • Pubblicità online: in particolare AdSense e Adlinks. Lo studio mostra che solo il 3% degli e-commerce utilizza questo tipo di pubblicità rispetto alla media del 9% degli altri siti web.
  • Engagement su Facebook: i contenuti social di un e-commerce ricevono, in media, meno condivisioni e like rispetto a quelli degli altri settori.
  • Dimensioni dei file: quelli presenti sugli e-commerce sono più grandi del 30% alla media.
  • Elementi interattivi presenti nel menu di navigazione: i bottoni, pulsanti, link cliccabili e menu a tendina sono presenti circa il 40% in più nei siti e-commerce rispetto alla media.
  • Liste e Bullet Point: anche questi sono più utilizzati dagli e-commerce rispetto agli altri siti web.
  • Link Interni: quelli presenti negli e-commerce sono circa il doppio rispetto a quelli presenti in altri siti. Un e-commerce ha quindi una struttura interna più ricca e stratificata.
  • Store online nella parte “above the fold”: il 56% dei primi 10 e-commerce presenti nei risultati di ricerca di Google ha il pulsante di accesso allo store online collocato nella parte superiore della homepage, quella visibile prima di fare lo scroll, per intenderci.
  • Dominio: anche se la ricerca di Searchmetrics fa riferimento solo agli USA, è importante sapere che i primi 10 e-commerce presenti nei risultati di ricerca Google hanno tutti un dominio internazionale, cioè .com.
  • Video: in percentuale i video meno presenti negli e-commerce rispetto agli altri siti.
  • Numero di parole: negli e-commerce è maggiore del 25% rispetto alla media degli altri siti web.

Che cosa si deduce da questi dati e soprattutto come si possono sfruttare per aumentare le vendite di un e-commerce?

Iniziamo dai don’ts, cioè dai contenuti e dai canali sui quali, almeno inizialmente, non vale la pena investire, perché non sono considerati da Google fattori rilevanti per il posizionamento.

ecommerce-dos-donts-fattori-posizionamento

Do's & Don’ts E-Commerce: dove NON investire

Pubblicità online: fare pubblicità sul tuo sito con AdSense e Adlinks non solo è sconsigliato, ma può anche essere addirittura controproducente: i banner pubblicitari distraggono l’utente che atterra sul tuo sito e lo distolgono dalle azioni di conversione, cioè dall’acquisto dei tuoi prodotti o servizi. Meglio evitare, no?

Facebook: i social network vanno usati nel modo giusto, altrimenti è meglio farne a meno. La conclusione che possiamo trarre dai dati di Searchmetrics è che probabilmente le persone, sui social network, preferiscono condividere e interagire con contenuti leggeri ed esclusivamente di intrattenimento. Questo non significa che se hai un e-commerce devi rinunciare a essere sui social: semplicemente, usali nel modo giusto, per fare brand awareness e creare interesse nei tuoi utenti con contenuti leggeri e magari risorse gratuite, non necessariamente legate all’acquisto dei tuoi prodotti o servizi. L’inbound marketing ti viene in aiuto: invece di proporre prodotti da acquistare, usa i social per regalare ai tuoi fan dei contenuti ricchi, utili, divertenti, che ti aiuteranno a far conoscere il tuo marchio, a farti amare dai tuoi clienti e a fidelizzarli.  

Video: se hai un e-commerce investire sui video non deve essere la tua priorità. I contenuti video sono molto utilizzati da chi offre tutorial e recensioni, e quindi si rivelano poco utili per un e-commerce che punta prevalentemente alle conversioni, perché esattamente come le pubblicità distraggono l’utente dal finalizzare l’azione di acquisto.

Do's & Don’ts E-Commerce: dove conviene investire

I fattori utili al posizionamento di un e-commerce sono diversi, ma molti di essi sono in qualche modo legati alla usabilità del sito: un e-commerce deve innanzitutto essere intuitivo, facile da navigare, chiaro, mirato allo scopo. Ecco quindi su cosa vale la pena investire per aumentare le vendite del tuo e-commerce.

Sito responsive

Se hai deciso di aprire un e-commerce la prima cosa su cui investire è un sito fruibile. Il sito web è la tua vetrina, il tuo punto vendita, la tua principale se non unica fonte di guadagno. Trascurarlo è impossibile. Ecco 2 aspetti a cui devi fare attenzione:

  • Navigabilità. Assicurati di creare un sito che sia responsive, cioè ottimizzato per tutti i dispositivi (computer, tablet e smartphone)
  • Struttura interna. L’albero interno del tuo e-commerce deve essere ben organizzato, ricco ma allo stesso tempo chiaro e intuitivo, in modo da agevolare la ricerca dei prodotti.

Ricordi quali sono i fattori utili al posizionamento di un e-commerce? Avere numerosi elementi interattivi presenti all’interno delle pagine del sito, quindi menu a tendina ampi e specifici, pulsanti e bottoni, una struttura curata di link interni, cioè di pagine che rimandano l’una all’altra (i prodotti correlati, per esempio), e naturalmente il pulsante per accedere allo store online nella parte “above the fold”.

Per essere top non devi trascurare nessuno di questi aspetti, cosa non facile se sei un autodidatta. Per essere certo di avere un e-commerce curato nei minimi dettagli e personalizzato sulle tue esigenze devi necessariamente affidarti a un professionista: vuoi chiederci un preventivo?

Clicca sul bottone contattaci in fondo alla pagina, ma prima scopri su quale altro aspetto investire per favorire il posizionamento e aumentare le vendite del tuo e-commerce.

Investi sui contenuti

Investire sui contenuti è fondamentale perché Google ti veda di buon occhio. Questo è vero per i siti web in generale, e ancora di più per gli e-commerce. I dati lo confermano: se le pagine degli e-commerce esaminati contengono un maggior numero di parole, file di dimensioni maggiori e più liste e bullet point rispetto agli altri siti web, il motivo è che probabilmente dedicano più importanza ai contenuti.

Ecco 2 aspetti sui quali devi investire:

Schede prodotto: devono essere dettagliate, con contenuti testuali efficaci e descrizioni chiare, che non tralasciano di elencare tutti i dettagli, anche tecnici, magari disponendoli in liste con bullet point, che risaltano all’occhio e sono di più facile consultazione.

Immagini in alta qualità: sono indispensabili per mostrare il prodotto all’utente. Meglio averne più di una, in modo da mostrare il prodotto da tutte le angolazioni, rassicurare l’utente e spingerlo all’acquisto.

Ricordi i fattori di posizionamento rilevanti per un e-commerce?

Non a caso le maggiori dimensioni dei file, la più elevata presenza di liste con i bullet point e il maggior numero di parole sono un evidente segnale di schede prodotto ben curate, con descrizioni approfondite e immagini in alta definizione.

Che ne pensi?
Stai già lavorando su questi aspetti oppure c’è qualcosa che hai tralasciato? Non ne sei certo? Scoprilo chiedendoci una consulenza professionale gratuita!

SCRIVICI

Contatti
Emmemedia sas

Via Senna 3/5
50019 Firenze - Sesto Fiorentino
Numero Verde: 800 12 58 68
Via Pisciarelli 79
80078 - Napoli
Tel: 081 192 30 200

Emmemedia

Web Agency Napoli, Firenze
Via Pisciarelli, 79 Pozzuoli Italia 80078
081 1914 3172
Via Senna 3/5 Sesto Fiorentino Italia 50019
800 032 673

Latest posts @emmemedia
Blog:Ultimi Articoli

Come avviare un business online

Avviare un business online e iniziare a guadagnare è possibile: scopri come in questa mini-guida che abbiamo realizzato per te

Come usare Pinterest per portare traffico al tuo sito

Il più visual dei social network può essere una vera miniera d’oro di nuovi contatti: ecco come usare Pinterest per portare traffico al tuo sito

Come aumentare le visite al tuo sito web con i contenuti giusti­­

Vuoi aumentare le visite al tuo sito tramite il blog? Ecco 5 tipi di contenuti che servono ad attrarre diverse tipologie di pubblico